Archivio tag: novità twitter

Novità Twitter

Riceviamo oggi una mail da Twitter sulle recenti novità del social network. Stiamo sperimentando questo social network sia per Scuola Magazine che per il il network. Sinceramente per ora non ci sono stati risultati eclatanti ma il mezzo andrebbe studiato meglio.

Su Facebook i risultati di certo sono più immediati. La strategia migliore è sicuramente quella di preparare a tavolino una strategia mirata, con una comunicazione mirata e cercare di intercettare il proprio settore di riferimento. Noi con Scuola Magazine andiamo ad intercettare un pubblico “attento” ai temi della scuola come Insegnanti e Personale Ata.

Ecco le novità di Twitter pervenute via mail:

Salve @Scuolamagazine,
nelle prossime settimane ci saranno parecchi aggiornamenti importanti che modificheranno molto il modo in cui varie applicazioni interagiscono con Twitter. Stiamo inviando questo annuncio a tutti gli utenti Twitter per farti sapere di questi cambiamenti.

Cosa sono le applicazioni?
Ci sono oltre 250.000 applicazioni che usano le API di Twitter. Per usarle al meglio la prima cosa che devi fare è autorizzare l’applicazione ad accedere al tuo account Twitter. Solo dopo averlo fatto puoi leggere e inviare Tweet o scoprire nuovi utenti. Le applicazioni sono diverse: si va dalle applicazioni per il tuo computer come TweetDeck, Seesmic, o EchoFon, a siti web come TweetMeme, fflick, o Topsy, oppure applicazioni per dispositivi mobili come Twitter per iPhone, Twitter per Blackberry o Foursquare.
Prima novità: Nuove regole per autorizzare le applicazioni
A partire dal 31 Agosto tutte le applicazioni devono utilizzare il sistema “OAuth” per accedere al tuo account Twitter.
Cos’è OAuth?
OAuth è uno standard tecnico che consente alle applicazioni di accedere direttamente a Twitter con la tua approvazione e senza richiedere la tua password

Le applicazioni per desktop e dispositivi mobili (cellulari o altro) potrebbero chiederti la password la prima volta che le usi, dopodicché useranno OAuth per accedere alla tua timeline e consentirti di twittare.
Cosa significa in pratica?
Le applicazioni non archivieranno più la tua password, che per questo sarà più sicura

Anche se cambi la password di Twitter, l’applicazione continuerà a funzionare
Alcune applicazioni che già stavi usando potrebbero chiederti una nuova autorizzazione oppure potrebbero smettere di funzionare
Tutte le applicazioni che hai autorizzato saranno elencate sulla pagina http://twitter.com/settings/connections
Da quella pagina puoi anche revocare l’accesso alle applicazioni che non vuoi usare più
Seconda novità: t.co per accorciare gli indirizzi

Nelle prossime settimane espanderemo il nuovo servizio per accorciare gli indirizzi web: t.co. I link accorciati sono più semplici da leggere e contengono il nome del dominio originale come parte del nuovo URI, così che saprai in anticipo su cosa stai cliccando. Quando clicchi su un link accorciato da t.co la tua richiesta verrà inviata a Twitter per verificare prima se l’indirizzo di destinazione è un sito che contiene malware e poi ti inoltreremo all’URI di destinazione. Il tutto avverrà in un istante.
Inizierai a vedere questi link attivati su alcuni account che hanno scelto di iniziare a testare il servizio. Ci aspettiamo di espanderne l’uso a tutti gli utenti Twitter entro la fine dell’anno. Quando questo accadrà tutti i link condivisi su Twitter.com o applicazioni di terze parti saranno un URI t.co.

Cosa significa in pratica?
Un link molto lungo come http://www.amazon.com/Delivering-Happiness-Profits-Passion-Purpose/dp/0446563048  potrebbe essere accorciato in http://t.co/DRo0trj così da poter apparire in un SMS, mentre nelle applicazioni o su twitter.com potrebbe avere la forma amazon.com/Delivering- oppure usare l’intera URI o il titolo della pagina
Vedrai apparire link in forme che rivelano la destinazione così da evitare sorprese, diversamente dagli altri servizi che accorciano gli indirizzi web
Quando clicchi sui link t.co da Twitter.com o da applicazioni Twitter, Twitter registrerà quel click. Contiamo di usare questi dati per offrire nel tempo contenuti più significativi e migliori